IL MONDO DI MISHIMA YUKIKO webmaster.antonio 6 Giugno 2022

IL MONDO DI MISHIMA YUKIKO

proiezioni/incontro-intervista con Mishima Yukiko e Maria Roberta Novielli

in collaborazione con Ca’ Foscari Short Film Festival

11 maggio 2022 proiezione Ode to Joy (2021), Dear Etranger (2017) + incontro/intervista Mishima Yukiko & M. Roberta Novielli / ingresso su prenotazione tramite Eventbrite (150 posti) da questo LINK

12 maggio 2022: proiezione Ode to Joy (2021), Shape of Red (2020) / ingresso libero fino a esaurimento posti (150 posti)

Mascherina Ffp2 obbligatoria in sala cinema

Le altre date del mini-tour in Italia di Mishima:
Venezia 4 – 7 maggio 2022 Ca’ Foscari Short Film Festival
Napoli 16 maggio 2022 Università di Napoli ‘L’Orientale’

Il cinema torna in sala più vivo che mai e si apre al dialogo con gli autori, ai vostri commenti e curiosità. Grazie alla collaborazione con il Ca’ Foscari Short Film Festival (Venezia 4 – 7 maggio 2022) che le dedica un programma speciale e dove sarà tra gli invitati d’onore, l’Istituto Giapponese di Cultura ha il piacere e l’opportunità di accogliere nella propria sede a Roma MISHIMA Yukiko, primo ospite giapponese post-pandemia, nonché regista e sceneggiatrice di indubbio talento e sensibilità.

Il Ca’ Foscari Short Film Festival – primo festival in Europa interamente concepito, organizzato e gestito da un’università, con il coordinamento del direttore artistico Maria Roberta Novielli – si presenta quest’anno con un ricco programma, tra cui l’omaggio al cinema di Mishima Yukiko e un collegamento da remoto con Tsukamoto Shinya, e in forma ‘diffusa’, ossia fruibile in più location della città lagunare; approfittando di questa estensione, che intende portare il cinema tra la gente senza confinarlo in ambito accademico, l’Istituto Giapponese di Cultura accoglie e replica il programma di film e corti della regista presentato a Venezia e attende con viva emozione l’incontro con Mishima Yukiko, a cura di Maria Roberta Novielli, mercoledì 11 maggio alle ore 19.30, al termine della proiezione di alcuni suoi recenti lavori che saranno finalmente accessibili al pubblico con ingresso libero nella nostra sala cinema, al 100% della capienza. La stessa opportunità sarà offerta a Napoli, nella sede dell’Università‘L’Orientale’, terza e ultima tappa del mini-tour della regista e della circuitazione dei film selezionati dal Festival.

La due-giorni dedicata alla regista, in programma a Roma nella sede dell’Istituto Giapponese l’11 e il 12 maggio 2022, prevede l’incontro-intervista a Mishima Yukiko, sessione di Q&A con il pubblico, la proiezione dei lungometraggi Dear Entranger (2017), Shape of Red (2020) e del recentissimo cortometraggio Ode to Joy (2021).

Tra le più interessanti voci femminili emerse nel panorama giapponese nel nuovo millennio, dopo un passato da documentarista televisiva alla NHK, Mishima Yukiko esordisce alla regia cinematografica con The Tattooer (2009) cui faranno seguito altri otto lungometraggi, tra cui Bread of Happiness (2012) – inserito anche nel programma del Japanese Film Festival Online 2022 – A Drop of the Grapevine  (2014), il pluripremiato Dear Etranger (2017), il melodramma  Shape of Red (2020) e il recentissimo cortometraggio Ode to Joy (2021), parte del progetto collettaneo ‘DIVOC-12’ ideato e promosso da Sony Pictures Entertainment (Japan) Inc. con l’intento di affrontare attraverso il linguaggio cinematografico le problematiche sociali innescate dalla pandemia da COVID-19.

Vi aspettiamo in sala per porgere un caloroso benvenuto a Mishima Yukiko e approfondire insieme le tematiche dei suoi film.

Film

2020-2021 Sony Pictures Entertainment (Japan) Inc.All rights

(Yorokobi no uta /よろこびのうた, 2021, 10’ cortometraggio parte del collettaneo ‘DIVOC-12’)  V.O. sott. Italiano e inglese

Cast: Fuji Sumiko and Fujiwara Kisetsu

 Riflessione sull’ansia che attanaglia la nostra società. Un’anziana donna sola – interpretata da Fuji Sumiko – incontra un ragazzo sulla spiaggia e accetta di svolgere per lui un losco lavoro. Nel titolo il richiamo all’Inno alla gioia di Ludwig van Beethoven, utilizzato come tema musicale del corto.

Ode to Joy è parte del progetto collettaneo ‘DIVOC-12’, ideato e promosso da Sony Pictures Entertainment (Japan) Inc., dove DIVOC è la lettura allo specchio di COVID e il numero 12 indica i registi coinvolti nel progetto, chiamati a realizzare corti sulle problematiche sociali legate alla pandemia da COVID-19.

.

©2017 “Dear Etranger” Film Partners

(Osanago warera ni umare/ 幼な子われらに生まれ, 2017, 127′)

V.O. sott. Italiano e inglese

Cast: Asano Tadanobu (Tanaka Makoto), Tanaka Rena (Nanae), Kudo Kankuro (Sawada), Terajima Shinobu (Yuka)

Makoto Tanaka (Tadanobu Asano) è un quarantenne al suo secondo matrimonio; anche Nanae, la sua attuale moglie, ha avuto due bambine da un precedente matrimonio e adesso la coppia vive la normale routine di una famiglia alle prese con la vita di tutti i giorni, almeno fino al giorno in cui Nanae rimane di nuovo incinta e alcuni fragili equilibri iniziano a cambiare. Tratto dal romanzo Osanago Warera ni Umare di Shigematsu Kiyoshi (ed. Kadokawa Shoten, 1996), il film ha vinto il Grand Prix della giuria al Montreal World Film Festival nel 2017, facendo guadagnare a Mishima anche l’Hōchi Film Award per la regia.

.

©2020 “Shape of Red” Film Partners

(Red, 2020, 123′)  V.O. sott. italiano e inglese

Vietato ai minori di 15 anni.

Cast: Kaho (Toko Suguri),

Tsumabuki Satoshi (Kurata Akihiko), Emoto Tasuku (Kodaka Jun), Mamiya Shōtarō (Muranushi Shin)

Sposata con un uomo invidiabile e madre di una figlia adorabile, Tōko sembrerebbe incarnare l’immagine di una donna sentimentalmente appagata, ma l’incontro fortuito, a distanza di 10 anni, con una sua vecchia fiamma risveglia desideri repressi e mai assopiti, catapultandola in una emozionante storia d’amore. Tratto dal romanzo Red di Shimamoto Rio, vincitore del premio letterario Naoki Prize.

.

Programma

Ore 17.00: Proiezione cortometraggio Ode to Joy

(Yorokobi no uta, 2021, 10’ cortometraggio parte del collettaneo DIVOC-12)

V.O. sott. italiano e inglese

Ore 17.15:  proiezione Dear Etranger  

(Osanago warera ni umare, 2017, 127′) V.O. sott. italiano e inglese

Ore 19.30: incontro/intervista Mishima Yukiko & Maria Roberta Novielli

a seguire Q&A

Ore 17.00: Proiezione cortometraggio Ode to Joy

(Yorokobi no uta, 2021, 10’ cortometraggio parte del collettaneo DIVOC-12)

V.O. sott. italiano e inglese

Ore 17.15: proiezione Shape of Red

(Red, 2020, 123′) V.O. sott. italiano e inglese Vietato ai minori di 15 anni.

mishima
regista e sceneggiatrice
Mishima Yukiko 三島有紀子

Nata ad Osaka nel 1969, gira i suoi primi film indipendenti all’età di 18anni; dopo la laurea entra alla NHK dove dirige numerosi documentari per la televisione. Il suo primo lungometraggio, The Tattoer, esce nel 2009 ed è l’adattamento cinematografico del romanzo Irezumi di Tanizaki Jun’ichirō, pubblicato nel 1966. Seguiranno Bread of Happiness (2012), A Drop of the Grapevine (2014), Nights Tightrope (2016, presentato alla 29esima edizione del Tokyo International Film Festival), A Stich of Life (2015), Dear Etranger (2017), vincitore del Grand Prix della giuria al Montreal World Film Festival nel 2017, Shape of Red (2020) e il recente cortometraggio Ode to Joy (2021), parte del progetto collettaneo ‘DIVOC-12’ ideato e prodotto dalla Sony Pictures Entertainment (Japan) Inc. Con il film Dear Etranger (2017) ha ottenuto il 42° Hōchi Film Award come miglior regista.

Uno dei temi più indagati da Mishima nelle sue opere è la ‘condivisione’, un interesse maturato su campo in occasione delle riprese per un documentario sul grande terremoto di Hanshin nel 1995, in cui la regista ha avuto occasione di osservare come i sopravvissuti, nei loro rifugi improvvisati, spartissero moltissime cose, compreso lo spazio. Dalla condivisione di beni materiali alla partecipazione emotiva di preoccupazioni e sofferenze scaturite dalla complessità della vita, il cinema di Mishima è spesso intimista, attento alla persona e alla disamina delle dinamiche sociali e familiari che pesano sulle azioni degli individui, rendendoli fragili; un cinema giocato spesso in spazi domestici, con uno sguardo focalizzato sull’importanza di relazioni capaci di risolvere conflitti interiori e proteso a scavare nel vissuto dei personaggi al centro delle storie - di cui spesso firma anche la sceneggiatura - per trovare una via d’uscita a situazioni negative o irrisolte.


Film
Ode to Joy (2021) cortometraggio
Red (2020)
The Antique | Biblia Koshodō no Jiken Techō (2018)
Dear Etranger | Osanago Warera ni Umare (2017)
Night's Tightrope | Shojo (2016)
A Stitch of Life | Tsukuroi Tatsu Hito (2015)
A Drop of the Grapevine | Budou no Namida (2014)
Bread of Happiness | Shiawase no Pan (2012)
Shisei: Nihohi tsuki no gotoku (2009)

Serie televisive
Tokyo Sumikko Gohan (WOWOW / 2017)
Reed of Glass | Garasu no Ashi (WOWOW / 2015)
Taburakashi ~Daikou Joyuugyou Maki~ (NTV / 2012)
Paranoid Sisters | Mousou Shimai (NTV / 2009)
LOVE GAME (NTV-YTV / 2009)

Sceneggiature
Red (2020)
Night's Tightrope | Shojo (2016)
A Drop of the Grapevine | Budou no Namida (2014)
The Serialist | Niryu Shosetsuka (2013)
Bread of Happiness | Shiawase no Pan (2012)

Giunto alla 12esima edizione, il Ca’ Foscari Short Film Festival (Venezia 4 – 7 maggio 2022) è il primo festival in Europa interamente concepito, organizzato e gestito da un’università, con il coordinamento del direttore artistico e organizzativo Maria Roberta Novielli, docente di Storia del Cinema e dell’animazione giapponese all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Da sempre attento alla cinematografia giapponese, e per questo più volte patrocinato dall’Istituto Giapponese di Cultura, nel corso degli anni ha portato a Venezia importanti registi e produttori, tra cui Kusakabe Keiko e Tsukamoto Shinya. Divenuto una delle vetrine europee più prestigiose per il cinema “giovane”, oltre ai cortometraggi in concorso, presenta una ricchissima offerta di programmi speciali, masterclass, focus e retrospettive che ampliano e integrano il programma del festival. Quest’anno, tra i numerosi ospiti di rilievo, anche la regista giapponese Mishima Yukiko, protagonista di un programma speciale a lei dedicato e della pre-apertura del festival. In linea con la forma ‘diffusa’ con cui si presenta il festival a Venezia, ossia dislocato in più sedi della città, la regista Mishima e l’omaggio al suo cinema viaggeranno in un tour che toccherà Roma l’11 e 12 maggio (Istituto Giapponese di Cultura) e Napoli (Università di Napoli ‘L’Orientale’).

Info Festival: http://cafoscarishort.unive.it