5 Ott 2020

16 ottobre – 27 novembre 2020 Vi racconto Ozu

/
Posted By
/
Comments0

La settima arte in sette film di Ozu Yasujiro  

Proiezioni gratuite ogni venerdì, alternativamente in sala e in streaming su MYmovies.it  ( CALENDARIO PROIEZIONI )

In sala: ingresso libero fino a esaurimento posti (autocertificazione da scaricare qui)

Accesso online gratuito con prenotazione tramite link (sulla piattaforma MYmovies.it)

Le proiezioni in streaming saranno introdotte da Giorgio Gosetti, Raffaele Meale, Dario Tomasi, Guy Borlée e Mario Sesti secondo il calendario riportato sul retro e saranno fruibili fino alle 4 ore successive l’orario di inizio fissato alle 21.15.

Si ringrazia per la collaborazione

mymovies cineteca tucker

 

Sul cinema di Ozu Yasujiro si sono espressi registi, critici, attori, cinefili, blogger di ogni parte del mondo; la bibliografia è sterminata e oltre a comprendere libri, articoli, saggi, monografie, tesi di laurea, negli ultimi decenni si è arricchita di siti e pagine web ad opera di addetti ai lavori e cinefili ben documentati i quali, attraverso dissertazioni, commenti e aneddoti ci forniscono un’immagine a tutto tondo di Ozu uomo e Ozu regista. Tra le più note affermazioni, campeggia quella di Wim Wenders che ha paragonato il cinema di Ozu alla cosa più simile al Paradiso. Ci sono poi le testimonianze di attori e attrici con i quali il regista strinse un fortunatissimo sodalizio artistico, come Ryu Chishu e Hara Setsuko che riferiscono di un direttore di regia – e spesso anche autore o co-autore di sceneggiature – che aveva gran cura di ogni dettaglio scenico e dava precise istruzioni sullo stile di recitazione, limitando iniziative istrioniche personali. La dote che tutti gli riconoscono è quella di aver saputo comunicare valori e sentimenti universali attraverso storie prive di avvenimenti particolari, racconti di vite ordinarie portati in scena con espressioni recitative minimali eppure di grande intensità. Partendo dalle piccole cose, Ozu ha narrato realtà universali, verità percepite all’interno di ogni gradino sociale, per le quali – nonostante un canone stilistico e iconografico marcatamente giapponese – è ancora in grado di registrare una immediata empatia negli spettatori di tutto il mondo.

A distanza di oltre vent’anni dall’ultimo omaggio al grande cineasta – che amava definirsi un “venditore di tofu” – l’Istituto Giapponese ripropone alcuni dei suoi memorabili film accanto a opere meno note, con il duplice scopo di offrire alle nuove generazioni l’opportunità di conoscere uno stile di regia rimasto ineguagliato ma anche di soddisfare le richieste di tanti appassionati

desiderosi di ri-assaporare quelle atmosfere intime e quei dialoghi domestici semplici e garbati attraverso i quali Ozu raccontò storie di gente comune e di generazioni a confronto, a cavallo tra il periodo pre e post-bellico. Sette i film in programma, proposti ogni venerdì alternativamente nella sala cinema dellIstituto con pubblico in presenza, e online, sulla piattaforma MYmovies.it in una sala virtuale con pubblico a distanza, connesso da remoto.

In sala saranno proiettate quattropellicole in 16mm, provenienti dalla Japan Foundation Film Library di Tokyo; basterà arrivare con 15 minuti di anticipo e osservare le regole che ormai tutti conosciamo: accesso con mascherina, misura della temperatura corporea, sedute in posti distanziati.

I tre titoli presentati sulla piattaforma MYmovies.it – per i quali si è invece attinto al cofanetto Ozu Yasujiro – I sei capolavori restaurati, edito dalla friulana Tucker Film – saranno introdotti da esperti e studiosi di cinema: Giorgio Gosetti, Raffaele Meale, Guy Borlée, Dario Tomasi, Mario Sesti; sarà come entrare in una sala cinematografica virtuale da 300 posti, con ingresso gratuito ma con il posto da prenotare attraverso un link che sarà reso pubblico sulla Newsletter e sul sito dellIstituto Giapponese (www.jfroma.it) nei giorni precedenti le rispettive proiezioni.

Dopo una lunga pausa imposta dalle misure di prevenzione anti-Covid-19 si riparte dunque con Ozu, un maestro anche nell’affrontare i cambiamenti: il passaggio dal muto al sonoro, dal bianco e nero al colore, dalla tradizione alla modernità. Anche noi siamo chiamati a fronteggiare un cambiamento di abitudini e stili di vita: la prudenza ci invita a far uso non solo di sale e proiettori tradizionali, ma anche di moderne tecnologie per fruire il cinema in modo nuovo. Le presentazioni online degli esperti offriranno al pubblico chiavi di lettura, spunti di riflessione, osservazioni tecniche che permetteranno di godersi i film proposti con nuove consapevolezze e l’attenzione a particolari che a una prima visione potrebbero sfuggire o sembrare poco significativi.

In sala o in streaming, seguendo la tradizione o cavalcando l’onda della contemporaneità, lasciatevi affascinare dal cinema del grande Ozu.

Tutti i film sono proposti in versione originale con sottotitoli in italiano e/o inglese.

 


IN SALA (via A. Gramsci, 74- Roma) 

venerdì 16 ottobre 

16.55 saluti istituzionali 

17.00 proiezione pellicola V.O. sott. inglese UNA GALLINA NEL VENTO 

 (⾵の中の牝鶏/Kaze no naka no mendori, 1948, 84’ B/N)

Con: Tanaka Kinuyo, Sano Shuji, Murata Mieko, Ryu Chishu

Kaze no naka no mendori © 1947 Shochiku Co., Ltd.

Fine guerra. Uomini al fronte e donne alle quali viene affidata la cura della casa e dei figli con le poche risorse economiche di cui dispongono. In questa difficile realtà Tokiko (Tanaka Kinuyo) resiste e si arrangia come può, ma di fronte alla mancanza di denaro per curare il figlioletto malato, cede all’invito di concedersi, per una sola volta, in una casa di appuntamenti. Una scelta sofferta che il marito, rientrato dal fronte, sembra non volerle perdonare. Tra sensi di colpa e pentimenti la strada per la felicità è però ancora percorribile.

 

IN STREAMING SU MYMOVIES.IT 

venerdì 23 ottobre 2020  

20.45 Talk Giorgio Gosetti (Casa del Cinema/Giornate degli Autori a Venezia) e Raffaele Meale (critico, Pesaro Film Festival)  

21.15 Proiezione in streaming su MYmovies.it (accesso gratuito, max 300 persone) VIAGGIO A TOKYO 

 (東京物語 /Tokyo monogatari, 1953, 136’ B/N)

Con: Ryu Chishu, Higashiyama Chieko, Hara Setsuko, Yamamura So, Sugimura Haruko, Miyake Kuniko, Kagawa Kyoko, Tono Eijiro

Link per vedere il film : https://www.mymovies.it/ondemand/mymovieslive/movie/viaggio-a-tokyo/

Tokyo monogatari©Shochiku Co., Ltd.

Shūkichi (Ryū Chishū) e Tomi (Higashiyama Chieko) si apprestano a lasciare la loro casa in campagna ad Onomichi per andare a trovare due dei loro figli a Tokyo, dove vive anche la nuora Noriko, rimasta sola dopo che il marito non ha fatto più ritorno dalla guerra. La capitale si rivela già al primo approccio una realtà disgregante, dove individualismo ed estraniazione incidono anche sugli affetti più cari. Così i due figli dell’anziana coppia – l’uno medico, l’altra parrucchiera – palesano un certo disagio ad occuparsi dei genitori, dei quali invece si prenderà cura con affezione e benevolenza la nuora Noriko, interpretata da Hara Setsuko.

 

IN SALA (via A. Gramsci, 74- Roma) 

venerdì 30 ottobre  

16.30 replica intervento videoregistrato Giorgio Gosetti/Raffaele Meale del 23 ottobre 

17.00 Proiezione pellicola V.O. sottotitoli in inglese e italiano  

IL PROFUMO DEL RISO AL TEVERDE  

(お茶漬けの味/Ochazuke no aji, 1952, 116’ B/N)

Con: Saburi Shin, Kogure Michiyo, Ryu Chishu e Tsuruta Koji, Tsushima Keiko, Awashima Chigake, Miyake Kuniko

Ochazuke no aji (C)1952 Shochiku Co., Ltd.

Taeko, donna viziata e capricciosa, si lamenta in continuazione con le amiche e con la nipote Setsuko della monotonia della sua vita coniugale con Mokichi. Solo quando questi lascia la casa per un viaggio di lavoro all’estero, la donna si rende conto del suo comportamento ingiusto ed egoista verso un marito che con lei è buono e comprensivo: è l’occasione per riprendere il dialogo e ritrovare la felicità di coppia.

 

IN STREAMING SU MYMOVIES.IT 

venerdì 6 novembre  

20.45 Talk: Guy Borlée (Cineteca di Bologna) e Dario Tomasi (Università di Torino)  

21.15 Proiezione in streaming su MYmovies.it  

FIORI DI EQUINOZIO  

(彼岸花/Higanbana, 1958, 118’ B/N) V.O. sott. italiano Con: Saburi Shin, Tanaka Kinuyo, Yamamoto Fujiko, Arima Ineko, Kuga Yoshiko, Sada Keiji, Takahashi Teiji

Higanbana©Shochiku Co., Ltd.

Tokyo, fine anni ’50. Il Giappone si modernizza e tra i cambiamenti più difficili da accettare per le vecchie generazioni c’è sicuramente l’atteggiamento dei giovani che rifiutano i matrimoni combinati. E così il saggio e liberale Hirayama Wataru, stimato dirigente d’azienda a cui amici e colleghi si rivolgono per consigli professionali e problemi personali, un giorno si trova fronte al giovane Taniguchi che gli sottopone una richiesta inaspettata… Primo film a colori di Ozu, che ancora una volta mette in primo piano i rapporti familiari, il confronto tra generazioni e il dualismo tradizione-modernità.

 

IN SALA (via A. Gramsci, 74- Roma) 

venerdì 13 novembre  

16.30 replica intervento videoregistrato Guy Borléè/Dario Tomasi del 6 novembre 

17.00 Proiezione pellicola V.O. sottotitoli in inglese e italiano  

INIZIO DI PRIMAVERA  

(早春, Sōshun) 1956, 144’ B/N Con: Ikebe Ryo, Ryu Chishu, Awashima Chikage, Kishi Keiko, Takahashi Teiji, Nakakita Chieko

Soshun (C)1956 Shochiku Co., Ltd.

Da casa all’azienda di buon mattino, dall’azienda a casa a tarda sera: questa la routine della classe impiegatizia nei decenni successivi alla guerra, mentre il Giappone viveva il suo veloce processo di modernizzazione e di assimilazione delle mode occidentali. Ed è in questo contesto, tra i fumi delle ciminiere sempre accese della capitale, che la coppia Shoji-Masako conduce la propria esistenza pacata e composta. Un flirt con una collega, maldestramente celato da Shoji, innesca una serie di cambiamenti familiari e lavorativi che paradossalmente conducono al bisogno di normalità.

 

IN STREAMING SU MYMOVIES.IT 

venerdì 20 novembre 

20.45 Talk Mario Sesti (giornalista, critico, regista, Festa del Cinema di Roma)  

21.15 Proiezione in streaming MYmovies.it (accesso gratuito, max 300 persone) BUON GIORNO  

(お早よう/Ohayo, 1959, 95’ C) V.O. sott. italiano

Con: Sada Keiji, Kuga Yoshiko, Ryu Chishu, Kuniko Miyake

Ohayo©Shochiku Co., Ltd.

Nella periferia di Tokyo le giornate trascorrono indisturbate tra i pettegolezzi del vicinato, almeno fino a quando si insedia una coppia di giovani hipster con un televisore, novità assoluta per l’epoca, che subito calamita l’interesse di due bambini, con esiti imprevedibili…

 

IN SALA (via A. Gramsci, 74- Roma) 

venerdì 27 novembre  

16.30 replica intervento videoregistrato Mario Sesti del 20 novembre 

17.00 Proiezione pellicola V.O. sott. inglese 

 LAUTUNNO DELLA FAMIGLIA KOHAYAGAWA  

(⼩早川家の秋/Kohayagawa-ke no aki, 1961, 103′ 16mm)

Con: Nakamura Ganjiro e Hara Setsuko, Tsukasa Yoko, Aratama Michiyo

Kohayagawa-ke no aki ©1961 Toho Co., Ltd.

Kohayagawa Mambei, vedovo e padre di due figlie, si ritrova a gestire una situazione familiare e sentimentale complessa, cui si aggiungono difficoltà economiche legate alla distilleria di sake che gestisce insieme al genero. La sua ostinazione a giustificare una vita vissuta all’insegna della menzogna incrina i rapporti più intimi e prelude a un autunno dell’esistenza poco rassicurante.

I film in streaming sulla piattaforma MYmovies.it saranno fruibili fino alle 4 ore successive lorario di inizio fissato alle 21.15. 


PROFILO RELATORI

Venerdì 23 ottobre ore 20.45 su MYmovies.it

Ci raccontano Ozu Giorgio Gosetti e Raffaele Meale

GIORGIO GOSETTI

Critico, saggista, e giornalista dell’Ansa dal 1990, Giorgio Gosetti è il Direttore Artistico della Casa del Cinema di Roma. Ha fondato ed è il Delegato Generale delle Giornate degli Autori alla Mostra di Venezia, dove lo scorso anno ha portato il nuovo film di Odagiri Joe Aru sendo no hanashi/ They Say Nothing Stays the Same (2019). Insieme a Marina Fabbri dirige il Noir in Festival a Milano. Insegna Organizzazione di eventi cinematografici e audiovisivi al DAMS di Bologna, ed è membro del direttivo dell’Afic (Associazione Italiana dei Festival di Cinema). Ha pubblicato saggi su Luigi Comencini, Alfred Hitchcock, Marguerite Duras, Carlo di Carlo, Allan Dwan e Sydney Pollack. In passato ha diretto il MystFest, Antenna Cinema, la Festa di Roma è stato vice-direttore della Mostra del Cinema di Venezia, Direttore di Italia Cinema per la promozione all’estero e Main Programmer del RIFF (Reykjavik Film Festival).

RAFFAELE MEALE

Laureato in Storia e Critica del Cinema al DAMS dell’Università Roma tre, è membro del comitato di selezione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e collabora con le Giornate degli Autori della Mostra di Venezia. Fondatore e caporedattore della rivista di critica online Quinlan.it, collabora con diverse riviste online e cartacee. È stato Direttore Artistico di Roma 3 Film Festival e ha partecipato all’organizzazione dell’Asian Film Festival di Roma. Ha curato i volumi Nihon-Eiga – Storia del Cinema Giapponese dal 1970 al 2010 (Csf Edizioni, 2010), Nihon-Eiga – Storia del Cinema Giapponese dal 1945 al 1969  (Csf Edizioni, 2012) e pubblicato numerosi saggi partecipando a varie opere collettanee, scrivendo tra gli altri di Tsukamoto Shinya, Kon Satoshi, Alberto Grifi e Carlo Lizzani. Membro del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) è anche direttore della rivista CineCriticaWeb. Nel 2015 ha pubblicato con Arcana il volume Fuori i compagni dalle balere. Viaggio nella musica dell’Emilia-Romagna. È docente del corso di Produzione al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Venerdì 6 novembre ore 20.45 su MYmovies.it

Ci raccontano Ozu Guy Borlée e Dario Tomasi

GUY BORLÉE

Dal 1995, è il coordinatore del festival Il Cinema Ritrovato organizzato dalla Cineteca di Bologna (XXXIV edizione nel 2020). Per questo festival dedicato allo studio della Storia del Cinema, si occupa della ricerca dei film nel mondo intero, della gestione della squadra e dei musicisti, della circuitazione di alcuni eventi ma anche del budget. Segue da sempre le richieste di finanziamento a livello locale, nazionale e internazionale, con una particolare attenzione ai fondi europei del Programma Creative Media. Coordina anche la programmazione estiva della Cineteca di Bologna (Sotto le Stelle del Cinema), manifestazione estiva giunta alla XXVI edizione che presenta film classici open-air nella magnifica location di Piazza Maggiore, a Bologna. In qualità di esperto di programmazione e svolgimento di festival cinematografici, è invitato regolarmente a tenere conferenze sia presso le cineteche affiliate FIAF (International Federation of Film Archives) sia in ambito accademico. Dal 1998 al 2008 è stato curatore di un festival dedicato alle scuole europee di cinema.

DARIO TOMASI

Insegna Storia del Cinema presso il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Torino. Nel 1988 vince una borsa di studio del Ministero della Cultura giapponese e si trasferisce a Tokyo dove soggiorna fino al 1990, frequentando i corsi della Japan University (Nihon Daigaku). Collabora con la rivista Cineforum, l’Asian Film Festival di Roma e il Museo del cinema di Torino. È autore di diversi libri sul cinema e in particolare su quello dell’Estremo oriente, fra cui Racconti crudeli di gioventù. Il nuovo cinema giapponese degli anni ’60 (1990, con Marco Müller), Il cerchio e la spada. Lettura de «I sette samurai» di Kurosawa (1990), Ozu Yasujirō, Viaggio a Tokyo (1996), Ozu Yasujirō (1996), Mizoguchi Kenji (1998), Anime perdute – Il cinema di Miike Takashi (2006), Bellezza e tristezza, Il cinema di Mizoguchi Kenji (2009), Il cinema dellEstremo oriente (2010, con Marco Dalla Gassa), Il cinema asiatico (2010), Il signore del caos. Il cinema di Sono Sion (con Franco Picollo, 2012, edizione giapponese, 2013, edizione italiana). Attualmente è al lavoro su una nuova monografia dedicata al cinema di Ozu Yasujirō.

 

Venerdì 20 novembre ore 20.45 su MYmovies.it

Ci racconta Ozu Mario Sesti

MARIO SESTI

Giornalista, regista e critico cinematografico, è tra i curatori della Festa del Cinema di Roma, di cui è stato anche uno degli ideatori, e del Premio Monicelli di Grosseto. Dal 2012 al 2104 Direttore del Festival di Taormina, è autore di saggi sul cinema e di monografie dedicate a Fellini, Germi, Moretti, Calopresti e alla neozelandese Jane Campion; ha collaborato con l’Espresso per oltre tredici anni come cronista e critico cinematografico e scrive per La Repubblica. In occasione della 14a edizione della Festa del del Cinema di Roma, insieme a Giovanna Fulvi ha curato la retrospettiva dedicata a Kore’eda Hirokazu e ha avuto il privilegio di intervistarlo (19 ottobre 2019) nel Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica, gremito di pubblico. Autore di documentari proiettati in prestigiosi festival internazionali, Mario Sesti come critico appassionato di Ozu ha scritto e curato diversi testi ed eventi.


CALENDARIO

FILM IN SALA 16mm

Ven 16 ottobre 2020 ore 17.00 (apertura rassegna con brevi saluti istituzionali)

Una gallina nel vento (風の中の牝鶏/Kaze no naka no mendori, 1948, 84’, B/N)

V.O. sott. inglese

 

Ven 30 ottobre 2020 ore 17.00 (dalle 16.30 proiezione Talk registrati su MYmovies.it)

Il profumo del riso al tè verde (お茶漬けの味/Ochazuke no aji, 1952 116’ B/N)

V.O. sott. in inglese e italiano

 

Ven 13 novembre 2020 ore 17.00 (dalle 16.30 proiezione Talk registrati su MYmovies.it)

Inizio di primavera (早春/Sōshun, 1956, 144’ B/N)

V.O. sott. in inglese e italiano

 

Ven 27 novembre 2020 ore 17.00 (dalle 16.30 proiezione Talk registrati su MYmovies.it)

L’autunno della famiglia Kohayagawa (小早川家の秋/Kohayagawa-ke no aki, 1961, 103’ C)

V.O. sott. inglese

 

TALK + FILM in STREAMING su MYmovies.it

23 ottobre 2020 ore 20.45-21.15 Giorgio Gosetti Raffaele Meale

21.15 Viaggio a Tokyo (東京物語/Tokyo Monogatari, 1953, 144’ B/N) V.O. sott. italiano

 

6 novembre 2020 ore 20.45-21.15 Dario Tomasi e Guy Borlée

21.15 Fiori di equinozio (彼岸花/Higanbana, 1958, 118’ B/N) V.O. sott. italiano

 

20 novembre 2020 ore 20.45-21.15 Mario Sesti 

21.15 Buon giorno (お早よう/Ohayo1959, 95’ C) V.O. sott. italiano

 

La rassegna Vi racconto Ozu. La settima arte in sette film di Ozu Yasujiro (16 ottobre – 27 novembre 2020) è a cura di Tsurui Yurina e Isabella Lapalorcia (Istituto Giapponese di Cultura).

Si ringraziano per il supporto MYmovies.it, Tucker Film e Cineteca del Comune di Bologna.